FOLLOW US
Back

TROISI POETA MASSIMO

TROISI POETA MASSIMO
TROISI POETA MASSIMO
una mostra per celebrare un Pulcinella senza maschera
TROISI POETA MASSIMO
TROISI POETA MASSIMO | una mostra per celebrare un Pulcinella senza maschera

A 25 anni dalla scomparsa dell’attore, l'Istituto Luce dedica a Massimo Troisi una mostra, Troisi Poeta Massimo, presso Il Teatro dei Dioscuri al Quirinale aperta al pubblico fino al 27 ottobre con ingresso gratuito. La mostra ripercorre i 40 anni di vita e 20 anni di carriera di Troisi, ormai riconosciuto come uno dei più grandi attori di sempre del cinema italiano, grande narratore di storie, regista indipendente e di grande successo di pubblico e critica

L'esposizione, suddivisa in cinque ambienti, racconta in sequenza cronologica le tappe salienti della vita e della carriera dell'artista: l'infanzia trascorsa a San Giorgio a Cremano, la sua passione per il teatro, la popolarità improvvisa con il gruppo de La Smorfia, la carriera cinematografica come regista e attore. Filo conduttore della mostra, il lato più sensibile e intellettuale: Massimo è stato un poeta senza definirsi tale e ha chiuso la sua carriera e la sua vita con il film Il Postino (1994), tratto dal bellissimo romanzo di Skarmeta, finito di girare un giorno prima della sua morte.

Oltre 80 fotografie, di familiari, amici e colleghi, dall’Archivio storico Luce, dalle Teche Rai e dalll’Archivio Enrico Appetito e dai fondi foto-cinematografici, una carrellata di ricordi che, attraverso musica e immagini, scenografie, testimonainze,  mettono in risalto la poetica, le tematiche, le passioni, il tratto umano e i successi del''attore napoletano. Un “mito mite”, come è stato definito,  un antieroe moderno e rivoluzionario, che più di altri ha saputo descrivere, con sincerità, leggerezza e ironia, i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni. La sua napoletanità, che si è fatta linguaggio universale di un disincanto malinconico e pungente, lo ha reso moderno e sempre attuale.

Tra i tanti film girati è impossibile dimenticare il capolavoro Non ci resta che piangere (1984) a fianco di Roberto Benigni, ormai entrato nella cultura collettiva di intere generazioni.

 

MORE IMAGES