FOLLOW US
Back

Street Art a Fondi

Street Art a Fondi
Street Art a Fondi
L’arte nella città di ercole
Street Art a Fondi
Street Art a Fondi

Il semicerchio formato dai Monti Ausoni e i Monti Aurunci delimita l’ampia piana di Fondi, nata, secondo la leggenda, grazie ad Ercole. È proprio qui che vogliamo portarvi oggi, tra le opere di street artist internazionali che si sono qui incontrati per dar vita ad un immenso museo a cielo aperto grazie al progetto Memorie Urbane.

Paulo Ito nasce a San Paolo in Brasile nel 1978. Attivo in strada già dal 1999, ha attraversato negli anni diverse fasi espressive: dagli esordi ricchi di sperimentazioni, allo studio del nudo femminile fino ad approdare ad una ricerca mirata volta alla critica della società e delle sue contraddizioni. Il lavoro di Paulo si concentra sul vissuto giornaliero, sulle problematiche della nostra epoca, sociali e politiche che siano. Il suo stile guarda al mondo dei fumetti e dell’illustrazione: colori energici attinti dalla tradizione carioca, gigantismi ed espressioni caricaturali si combinano piacevolmente restituendo opere sarcastiche.

Andrew Hem è un artista di origine cambogiana cresciuto a Los Angeles. Le sue opere, caratterizzate dall’utilizzo di una tavolozza dai colori freddi, sono intrise di un senso di sospensione, di rarefazione, dove elementi del mondo urban compaiono in paesaggi naturalistici dalle atmosfere fiabesche, a metà fra il sogno e la memoria. Per la prima volta in Italia ospite di Memorie Urbane 2017 Andrew Hem ha dipinto una parete Ater in via Lazio, Fondi. Mosso dalla volontà di realizzare un’opera dall’iconografia facilmente comprensibile a tutta la popolazione, Hem ha dipinto una personale raffigurazione della Vergine Maria.

Sequenza binaria, nata quasi per caso all’inizio del suo lavoro, il nome 1010 parla della passione dell’artista per i numeri e le citazioni rubate all’immaginario collettivo visuale e giornalistico, con cui ha cominciato. Diverso invece lo stile che lo ha reso famoso: tra l’oggetto ludico, la curva di livello, il cromatismo “a strati”, il linguaggio dell’artista si lega alle superfici andando sempre oltre di esse e giocando con la fantasia dell’osservatore che si ritrova a leggere familiari citazioni visive dal mondo infantile. Asso nella manica e segreto dell’esecuzione, sono le ombre che, insieme alle curve di livello, lasciano sospettare una formazione architettonica dell’artista. La sua partecipazione a Memorie Urbane è un’anteprima italiana assoluta.

Quello di Naf Mk è un universo pop contaminato da elementi iconici attinti dalla tradizione, religiosa e culturale, e dall’attualità che lo street artist rielabora attraverso l’uso di colori vitaminici e associazioni figurative provocatorie ed ironiche. Ospite di Memorie Urbane 2017 NAF MK ha realizzato a Fondi un muro dal titolo INCIPIT (THE BEGINNING). L’opera si rifà alla classica rappresentazione dell’annunciazione, protagonista della scena è però lo spray Krylon, icona, reliquia, oggetto simbolo degli anni in cui la street art ha rivoluzionato le strade, donato dall’arcangelo a una giovanissima Madonna.

Cover: photo credit by Arianna Barone. Fonte: Memorie Urbane.

- LE OPERE -
Paulo Ito. Photo credit by Arianna Barone
Andrew Hem. Photo credit by Memorie Urbane
Naf MK. Photo credit by Arianna Barone
1010. Photo credit by Flavia Fiengo