SEGUICI SU
Indietro

Tspoon

Tspoon
Tspoon
far rivivere gli spazi residuali
Foto di Antonio Barrella
Tspoon
Tspoon

L'energia corre nei corridoi della facoltà di Architettura dell'Università di Roma Tre e accende un gruppo di studenti che lavora già a progetti universitari. Presto il loro sguardo scavalca il perimetro dell'accademia e da neolaureati sentono la necessità di dar vita a uno studio di architettura. Oggi TSPOON è composto da Nina Artioli, Alessandra Glorialanza e Eliana Saracino. È attivo dal 2004, ma diventa un vero e proprio studio di architettura nel 2011. Il primo riscontro importante del loro lavoro arriva con l'ideazione di un social network per la riattivazione degli spazi pubblici abbandonati. Il social network si chiama City Hound: mette in collegamento proprietari di spazi e persone che cercano luoghi per realizzare nuovi progetti. Contiene le loro linee di ricerca: lavorare su spazi residuali che non vengono usati e far sì che la rigenerazione di spazi sottoutilizzati diventi la norma. L'idea è premiata con un finanziamento.

La sede di TSPOON è al primo piano del quartiere Monti di Roma. Nina, Alessandra ed Eliana hanno in media trentacinque anni e – a parte i progetti più lunghi e articolati – si permettono il lusso di scegliere i lavori di architettura che portano avanti. L'impresa più prestigiosa è la vittoria del concorso internazionale per riattivare e restituire ai cittadini lo spazio di un ex-cavalcavia di Milano. Con il loro progetto GUARDA-MI hanno puntato a “trasformare un cadavere”. Chiunque abbia percorso la High Line di New York sa cosa vuol dire trovare in città un cadavere urbano rimesso in vita (lì una ferrovia in disuso). Il loro progetto riassegnerà un'identità nuova al cavalcavia, rendendolo un luogo per il tempo libero, la socialità, lo sport. I lavori del cantiere potrebbero cominciare nel 2017. Tra i diversi progetti legati alla riattivazione anche solo temporanea di spazi, TSPOON è risultato tra i cinque finalisti di un bando sullo spazio esterno del MAXXI di Roma dove, nell'anno dell'Expo, proponevano un mercato legato al cibo.

 

La storia di Tspoon è stata raccontata da Francesco Longo, scrittore.

- SPAZI E LAVORI -
Lo trovi qui: Via di Campo Carleo, 25 - 00184 Roma
Lo trovi qui: Via di Campo Carleo, 25 - 00184 Roma