SEGUICI SU
Indietro

SPAZIO ARCÒ

SPAZIO ARCÒ
SPAZIO ARCÒ
il coworking incontra l'estetica
SPAZIO ARCÒ
SPAZIO ARCÒ

A Piazza Crati, nel cuore del quartiere Trieste, troviamo Spazio Arcò, un coworking che ha fatto della ricerca e dell'estetica la sua sfida.

Chiara Pollano, responsabile di Spazio Arcò, ha risposto alle nostre domande. 

Quando avete aperto?
"Abbiamo inaugurato il 23 febbraio 2020, pochi giorni prima del lockdown. Spazio Arcò è frutto di un lungo lavoro di ricerca estetica volto a soddisfare le esigenze dei professionisti in cerca di un ufficio e che avesse come valore cardine quello della bellezza. Così ho studiato forme, colori (deformazione professionale) ambienti, al fine di creare uno spazio che contamini chi ne fa parte, ma al tempo stesso si lasci contaminare da chi lo vive. Ho attrezzato l'ambiente anche con apparecchiature tecnologiche che aiutassero i freelance nel loro lavoro come una rete internet ultra veloce, schermi, impianto audio, non trascurando le esigenze pratiche di ogni giorno. Inizialmente, quello che poteva sembrare il periodo peggiore per iniziare questo progetto si è rivelato invece un momento chiave: la ripartenza. Sento nelle persone più che mai la voglia di uscire, conoscere e anche quella di iniziare progetti nuovi, propri." 

Quali sono le vostre dotazioni?
"Spazio Arcò è di 180 mq circa, suddiviso in varie stanze (stanza singola, stanza per due persone mini team, stanze multi) per permettere ai professionisti di scegliere diverse soluzioni: c'è chi necessita di privacy completa, c’è chi preferisce condividere la stanza. La capienza massima è di 12 postazioni fisse. Il numero permette di creare un ambiente familiare, ma allo stesso tempo permette un ventaglio eterogeneo di professioni. Ho sempre sostenuto che le migliori riflessioni, le chiacchiere più costruttive nascano dalle più disparate realtà. All’interno del nostro spazio si creano collaborazioni spontanee unendo quelle che sono le nostre professioni. Per fare un esempio io e Federica stiamo lavorando per un brand che sta nascendo, io disegnando i tessuti mentre lei si sta occupando della realizzazione del logo, quindi della parte grafica. Nel nostro spazio abbiamo chi si occupa di comunicazione, chi lavora nell’ambito finanziario, chi nella parte di sviluppo informatico oltre ad un’avvocatessa". 

Che servizi offrite?
"Abbiamo una sala riunioni,  il cuore nello spazio, che viene usata sia dai professionisti per meeting, workshop, ma anche da persone esterne. Faccio sempre un esempio pratico: Daniela jewerly designer ha deciso, dopo il covid, di chiudere il suo negozio, per costi troppo alti, ed ha iniziato ad usare il nostro spazio per presentare le collezioni e ricevere clienti. Anche lei aveva la necessità di avere uno spazio di rappresentanza che non fosse in un hotel o in un bar. Daniela, e spero che presto ce ne saranno altri, utilizza lo spazio non giornalmente, ma comunque è entrata nella comunità di Spazio Arcò. Ci sono vari modi attraverso i quali una persona può entrare in contatto con noi, non solamente quello più tradizionale di affitto di una postazione ed è proprio questo aspetto che vorremmo far crescere diventando un centro di produzione e generazione di business sano e creativo". 

- Gli Spazi -