SEGUICI SU
Indietro

SOVRAGAUDIO

SOVRAGAUDIO
SOVRAGAUDIO
Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi
SOVRAGAUDIO
SOVRAGAUDIO

Una compagnia teatrale romana ancora senza fissa dimora e tutta al femminile: Barbara Bianchi, Chiara Casali, Rosaria D’Antonio, Chiara Laureti, Eleonora Leone, Giuseppina Loschiavo, Chiara Postacchini e Arianna Saturni sono i nomi delle attrici che, conosciutesi negli anni di formazione all’Accademia Drammatica Cassiopea, si sono unite per fondare l’Associazione Sovragaudio, una sorta di “neurone comune sovraccarico”, secondo la loro ironica definizione. Come rivela l’attrice e regista Rosaria D’Antonio, una compagnia di sole donne può essere pericolosa quanto vitale, soprattutto quando eventuali conflitti personali riescono a tramutarsi in pura energia e coesione artistica sulla scena. D’altronde il teatro è una sorta di “palcoscenico della vita”, dove si misurano forze e debolezze, passioni e delusioni, sentimenti e tormenti, proprio come nello spettacolo “Ifigenia: Il Gioco”, una rivisitazione tragicomica e interattiva con il pubblico del testo di Euripide. Gli Dei sono annoiati dalla monotonia di una vita immortale, immune dall’autenticità delle passioni terrene e implorano Crono di fornirgli un nuovo trastullo: Ifigenia. La tragedia greca viene trasposta in un moderno gioco di ruolo, dove gli Dei assumono nuove identità fingendosi mortali. Discutono, si accusano, tramano vendette e mettono in scena meschine e brutali azioni. Ai loro occhi il sacrificio di una vittima è insignificante e funzionale a un solo scopo: divertirsi sulla Terra dimenticando l’eterno tedio dell’Olimpo. Li tiene uniti un filo rosso, simbolo della vita, che si passano sulla scena mentre distribuiscono caos e sofferenze. Un testo universale e sempre attuale, che evidenzia il carattere di arbitrarietà del volere di chi ci governa, ieri come oggi.

La storia è stata raccontata da Simona Pandolfi, scrittrice.

- SPAZI E LAVORI -