SEGUICI SU
Indietro

SITI LAB

SITI LAB
SITI LAB
Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi
SITI LAB
SITI LAB

Un laboratorio di ricerca urbana e sperimentazione artistica nello spazio pubblico. “Siti Lab - Social Innovazione Through Imagination” porta avanti un’indagine, tra speculazione teorica e azione, che sviscera in modo critico il rapporto tra l’arte e il territorio, tra le pratiche e la politica. Opera nel campo degli studi urbani, della formazione e dell’innovazione sociale con lo scopo di ripensare lo spazio in termini relazionali e immaginare il cambiamento attraverso il coinvolgimento attivo delle comunità. Un esempio è il progetto Cap 04015 a Priverno, in provincia di Latina: un processo che parte dal basso, dalle scuole e dai giovani, per raccogliere la potenza creativa e generativa del territorio. Dopo aver ascoltato i ricordi, i desideri e i sogni dei cittadini e aver mappato i luoghi abbandonati, sfitti o sottoutilizzati della città, si inizia a immaginare un modo per riaprirli e rinnovarli. Dietro a Siti c’è un gruppo di donne, qualcuna mamma, di base perlopiù a Priverno, tutte migranti di rientro, amiche e legate da un rapporto di familiarità e stima. Di formazione varia – scienze umanistiche, architettura, ingegneria, design e comunicazione – si incontrano al limite di queste discipline in un equilibrio acrobatico e giocoso. L’idea nasce dalla ricerca di dottorato di Stefania Crobe - presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale de La Sapienza Università di Roma - come investigazione sul rapporto tra pratiche artistiche e trasformazione sociale, con una particolare attenzione ai margini territoriali e disciplinari. Uno spunto che poi è cresciuto catalizzando le energie di tutte le componenti con lo scopo di fare cultura, innescare un cambiamento e ribaltare l’idea di perifericità che occupa l’immaginario di chi abita lontano dalle grandi città, nei piccoli centri e nelle aree interne del Paese.

La storia è stata raccontata da Caterina Grignani, scrittrice.

 

- SPAZI E LAVORI -