SEGUICI SU
Indietro

Perestrello 3.0

Perestrello 3.0
Perestrello 3.0
Far emergere il bello in luoghi inaspettati
Perestrello 3.0
PERESTRELLO 3.0

Orizzontale è un collettivo di architetti che agisce e lavora mescolando architettura, urbanistica, arte pubblica e autocostruzione. Orizzontale promuove dal 2010 progetti di spazi pubblici relazionali, dando forma ad immagini di città dismesse o inedite. Questi progetti sono stati terreno di sperimentazione per nuove forme di interazione tra gli abitanti e i beni comuni urbani e, allo stesso tempo, occasione per mettere alla prova i limiti del processo di creazione architettonica. Orizzontale ha costruito e sviluppato progetti in Italia, Spagna, Germania, Austria, Grecia, Ucraina, Portogallo, Olanda. “8 ½”, il teatro mobile costruito da orizzontale nel 2014, è risultato vincitore del premio internazionale Young Architects Program (“YAP MAXXI 2014”) indetto dal Museo MAXXI e dal MoMA PS1. Recentemente il progetto “Prossima Apertura” di orizzontale ha vinto il concorso “Periferie” indetto da MIBACT e CNAPPC per l’area di Aprilia e sta entrando in fase definitiva.

Da queste premesse nasce il progetto Perestrello 3.0

Largo Bartolomeo Perestrello è un luogo in attesa, una grande area rimasta vuota in seguito a trasformazioni urbane mai completate che si presta oggi ai più vari usi spontanei. Comunità, cittadini e associazioni locali arricchiscono quotidianamente di tracce e significati stratificati questo prezioso luogo comune, che necessita tuttavia di un piano per il futuro. 

L'obiettivo di Perestrello 3.0 è costruire la punta dell’iceberg che faccia emergere il fantastico mondo sommerso della Marranella.

Perestrello 3.0 è un progetto di riattivazione urbana per Largo Bartolomeo Perestrello nella zona Marranella di Roma (V Municipio). Dal 18 settembre al 22 settembre la piazza si trasformerà in un laboratorio urbano: associazioni, architetti, psicologi sociali e cittadini si confronteranno sul suo futuro. In questi stessi giorni verranno costruite le prime strutture per immaginare un nuovo utilizzo per la piazza. 

- Gli Spazi -