SEGUICI SU
Indietro

Nasce Cicero Hub

Nasce Cicero Hub
Nasce Cicero Hub
Internet delle cose e servizi intelligenti nel Lazio
Nasce Cicero Hub
Nasce Cicero Hub | Internet delle cose e servizi intelligenti nel Lazio

Competence center e digital innovation hub: nel Lazio nascerà un polo tecnologico per il sostegno alla transizione delle Pmi verso lo smart manufacturing. Il progetto si chiama Cicero (acronimo di Cps/Iot Ecosystem of Excellence for Manufacturing Innovation) e sarà incentrato sui sistemi di Cyber physical systems e Internet of things

E' con questi strumenti che il Lazio intende vincere la sfida di Industria 4.0: attraverso la collaborazione fra ricerca e imprese e la formazione delle competenze per il lavoro si intende sostenere la trasformazione digitale delle Pmi per renderle sempre più competitive. Coordinato e promosso da Unindustria, il nuovo hub regionale di innovazione affiancherà  da settembre le aziende per sostenerle e migliorare le loro competenze attraverso supporti tecnologici, programmi formativi, interventi di tutoraggio e di finanziamento. 

"Nelle prossime settimane aderiranno anche le altre associazioni che stanno completando il loro iter interno", spiega il presidente di Unindustria Filippo Tortoriello perché "la logica è quella di avere un'unica infrastruttura regionale che possa concentrare e valorizzare al massimo tutte le risorse economiche, dotandosi di professionisti di altissimo livello che siano in grado di supportare tutte le imprese della nostra Regione". 

Cicero Hub opererà in connessione con tutti gli hub nazionali ed europei a sostegno delle Pmi e lavorerà con le principali università della regione: "La struttura è aperta - aggiunge Tortoriello -, l'Hub accoglierà anche altri autorevoli attori del territorio interessati ai processi di trasformazione digitale. Con i sette rettori delle università coinvolte c’è un dialogo costante, nell’ultima riunione, nella quale era presente anche l’assessore regionale alle Attività produttive Gianpaolo Manzella, è emersa la disponibilità a mettere i laboratori universitari a disposizione delle singole imprese, sfruttando le competenze specifiche di ciascun centro di ricerca. Per aiutare quelle Pmi che non hanno le capacità economiche, ma vogliono cogliere la sfida dell’innovazione". 

La Sapienza, Tor Vergata, Roma Tre, Luiss, Campus Bio-Medico, Cassino e Unitus della Tuscia: questi i principali poli universitari laziali con cui sono state avviate collaborazioni. La sfida?Cambiare la cultura d’impresa nelle Pmi che non possiedono il know-how adeguato per comprendere l’impatto della rivoluzione digitale in corso. Una vera e propria rete di digital innovation hub che fanno parte dell'iniziativa europea Hms e sosterrà le imprese nella realizzazione di progetti di trasformazione digitale della loro attività. Sviluppando nuovi modelli di business, promuovendo lo scambio delle best practice e facilitando la creazione di un ecosistema integrato imprese, Start-up e centri di ricerca nell'Industria 4.0. 

- Immagini Correlate -