SEGUICI SU
Indietro

MAURIZIO DI CURZIO

MAURIZIO DI CURZIO
MAURIZIO DI CURZIO
Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi
MAURIZIO DI CURZIO
MAURIZIO DI CURZIO

Che forma ha il bosco-mente? È il titolo del torneo ecologico “Forest Graal” tenutosi durante il Fuorisalone di Milano ed Expo 2015. “Dal momento in cui lessi il bando l’idea fu fulminea - dichiara Maurizio Di Curzio, architetto del paesaggio, grafico, web designer e appassionato di lighting design. “IBosco” assume la forma di un impianto boschivo a quinconce e di un cervello (come inciso nell’immaginario collettivo). Strutture cilindriche in policarbonato retroilluminate e trasparenti (tronchi) collegano l’impianto boschivo (terreno) al cervello dove si ammassa un groviglio di corde e su due livelli superiori matasse di luci led e neon (cielo). Il paesaggista partecipa al contest e lo vince, esponendo durante la seconda edizione di “Green Utopia 2015” a Milano (Salone del Mobile ed Expo 2015). “Mi ero veramente divertito, come succede spesso a noi architetti, dall’atto in cui concepiamo il progetto fino al prodotto finito, con tutte le sue modifiche nel mezzo”. La folgore che trapassa il concetto per trasformarsi in prodotto non arriva mai per caso. Può collegare, a loro insaputa, luoghi e persone che si nutrono di un’affine intuizione; quella che, se promana diversa nella struttura materiale, discende però unica dalla matrice essenziale. Natura (primo cerchio) e Artificio (secondo cerchio) nel Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto possono e devono convivere in equilibrio. Così per Maurizio Di Curzio la forma più classica di bosco mediterraneo convive con il bosco hi-tech 3.0, dotato di vita artificiale propria, collegamenti Wireless e Wifi. La folgore colpisce il terreno fertile, s’installa nell’asta che scarnifica il suolo del Bosco di San Francesco ad Assisi (nel terzo cerchio), così nelle strutture cilindrico digitali di “iBosco”, da lì ergendosi nel cielo. Due giardini protetti ridisegnano i confini del “grembo generativo della nuova umanità”.

La storia è stata raccontata da Maria Teresa Sammarco, scrittrice.

- SPAZI E LAVORI -