SEGUICI SU
Indietro

LAFABBRICA

LAFABBRICA
LAFABBRICA
Foto di Antonio Barrella
LAFABBRICA
LAFABBRICA

I loro lavori teatrali nascono sempre da un paradosso, in scena circola ancora l'influenza di Samuel Beckett e l'atmosfera ricorda quella del teatro dell'assurdo. Le radici del gruppo sono nel Centro Internazionale La Cometa di Roma. Qui si è formato il nucleo attorno al quale nasce nel 2008 la compagnia. Lafabbrica è composta da cinque donne: Elisa Bongiovanni, Fabiana Iacozzilli (regista), Marta Meneghetti, Ramona Nardò e Giada Parlanti. Ma collaborano con loro come attori o assistenti anche Simone Barraco e Francesco Zecca. In passato ha collaborato anche Matteo Latino.

Tre spettacoli principali formano i tre capitoli della Trilogia dell'Attesa: Aspettando Nil, Quando saremo grandi e Hansel e Gretel. Il giorno dopo. Questi lavori indagano aspetti diversi della dimensione dell'attesa, prendendo corpo intorno ad altri testi teatrali su questo tema, favole, immagini e suggestioni diverse. La fase di laboratorio e improvvisazioni porta il gruppo fino alla scrittura finale dei testi. Aspettando Nil vince alcuni premi tra cui l'Underground Zero Festival di New York 2010 e il PlayFestival nel 2013; Quando saremo grandi è finalista allo Scenario 2009; Hansel e Gretel. Il giorno dopo con la drammaturgia di Francisco Espejo, ha debuttato al Teatro Vascello di Roma. La critica ha rintracciato in questi spettacoli sospesi e nei personaggi disorientati anche un riferimento alla vita inceppata della loro generazione. Dopo essere andate in scena al Piccolo di Milano, dal 2014 Lafabbrica è compagnia residente al teatro romano il Vascello.

Il primo spettacolo che non parte da un loro testo collettivo ma da una drammaturgia preesistente è Il Gabbiano di Anton Cechov (i costumi sono di Gianmaria Esposito, lo scenografo è Matteo Zenardi). Ora che hanno una casa e possono provare gli spettacoli direttamente al Vascello, lavorano – con “lunghi tempi gestazionali” – al prossimo debutto. Avverrà proprio al teatro Vascello per l'inizio della stagione 2016-2017.

La storia è stata raccontata da Francesco Longo, scrittore.

 

- SPAZI E LAVORI -