SEGUICI SU
Indietro

un contributo per la tua startup creativa

un contributo per la tua startup creativa
un contributo per la tua startup creativa
sosteniamo in modo concreto le risorse imprenditoriali e creative del territorio
un contributo per la tua startup creativa
un contributo per la tua startup creativa | sosteniamo in modo concreto le risorse imprenditoriali e creative del territorio
Se siete delle startup creative che si sono da poco affacciate nel mondo del business c’è un’opportunità che non potete lasciarvi sfuggire. La Regione Lazio ha pensato proprio a voi mettendo a disposizione un fondo per il sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative presenti nel territorio. Precisamente 1,2 milioni di euro stanziati per supportare la nascita e/o lo sviluppo di attività che cercano di farsi strada ed emergere nel settore creativo. In che modo? Cofinanziandone i costi di avvio della startup attraverso un contributo pari all’80% dell’investimento ammissibile con un contributo a fondo perduto fino a 30.000 euro.

A chi è destinato il fondo?
Visto che si punta su giovani startup il requisito della novità è un elemento fondamentale per partecipare al bando. È quindi necessario essere una piccola o media impresa costituita da non oltre sei mesi dalla data di pubblicazione dell’Avviso sul BUR e avere sede legale ed operativa nel Lazio. L’attività deve essere nuova e innovativa, e non rappresentare la prosecuzione di una già avviata da più di 6 mesi sotto altra forma.  
 

Non solo imprese, ma anche privati cittadini
Il bando non si rivolge solo a piccole e medie imprese già avviate da massimo 6 mesi. La grande innovazione di questa iniziativa è nel coinvolgimento di privati cittadini, che potranno liberamente  presentare il loro progetto entro il termine del 26 aprile e -  solo se selezionati tra i destinatari del contributo - dovranno costituirsi come impresa  entro 60 giorni dalla relativa comunicazione di ammissibilità al fondo. In questo modo, l’attività imprenditoriale dei privati il cui progetto è stato selezionato sarà avviata con la certezza di poter fare affidamento sul contributo della Regione Lazio. Nel dettaglio, il bando prevede che i promotori (persone fisiche) di nuove micro, piccole e medie imprese, nel limite massimo di 60 giorni dalla comunicazione di ammissibilità al contributo, si dovranno costituire in impresa ad alto contenuto creativo e innovativo e iscrivere al Registro Imprese di una delle Camere di Commercio del territorio regionale del Lazio. Anche nel caso dei privati, l’attività imprenditoriale deve risultare effettivamente nuova e non prosecuzione di attività già avviate da più di 6 mesi sotto altra forma.

Imprenditori creativi, questa è l’occasione giusta per voi
E mille sono i volti che la creatività e l’arte possono assumere. Per questo il bando si riferisce a tutte le startup che operano in diversi settori: arti e beni culturali (intesi quali arte, restauro, artigianato artistico, tecnologie applicate ai beni culturali e fotografia), architettura, design, disegno industriale (prototipazione e produzione in piccola scala di oggetti ingegneristici e artigianali), design della moda, o ancora spettacolo dal vivo e musica, audiovisivo e infine editoria.
Se pensate di poter rientrare con il vostro progetto in queste categorie creative affrettatevi a presentare la domanda: avrete tempo infatti fino alle ore 18.00 del 26 aprile 2016 accedendo alla piattaforma www.gecoweb.lazioinnova.it.
Le richieste saranno poi esaminate da un’apposita Commissione di Valutazione che provvederà ad attribuire il relativo punteggio e a definire l’ammontare del contributo sulla base di diversi criteri di valutazione, quali il livello creativo del progetto, la sua fattibilità e l’esperienza tecnica dei proponenti.