SEGUICI SU
Indietro

L’esercito di Androidèi di Pixel Pancho

L’esercito di Androidèi di Pixel Pancho
L’esercito di Androidèi di Pixel Pancho
Visioni mitologiche contemporanee sfilano in uno degli spazi più innovativi della capitale
L’esercito di Androidèi di Pixel Pancho
L’esercito di Androidèi di Pixel Pancho | Visioni mitologiche contemporanee sfilano in uno degli spazi più innovativi della capitale

100.000 followers su Instagram. Iniziamo da qui per parlare di Pixel Pancho, torinese di nascita, spagnolo di formazione, ma soprattutto riconosciuto come uno degli street artist italiani più apprezzati al mondo. Anche se il suo di mondo è in realtà animato da divinità robotiche, gli Androidèi: a metà tra uomo e automa, dalla pelle così sensibile da diventa ferro. L’anima? È solo un ingranaggio. Ma cosa hanno questi Androidèi  in più rispetto agli uomini? Sono immortali. L’uomo muore, loro rimangono. Nulla li scalfisce. Neanche i vostri sguardi attenti, quelli con cui li scruterete alla Galleria Varsi di Roma, dove sicuri e severi fanno bella mostra di sé fino al 2 aprile. Questo universo surreale e fantastico prende vita in 19 opere di diversa natura: dipinti in acrilico su pannelli di legno, sketch e incisioni su carta, una scultura in gesso, ceramica e ferro.

E la Galleria Varsi, inserita dal New York Times nella guida “36 Hours in Rome”, non resta certo a guardare: lo spazio espositivo, tra le più giovani realtà che producono street culture nella capitale, rende omaggio alla visione mitologica contemporanea di Pixel Pancho trasformandosi in una domus aurea. Qui le opere si sostituiscono agli affreschi e la natura diventa padrona dello spazio tra mille suggestioni. 
Immagini Correlate