SEGUICI SU
Indietro

L’altro Botero

L’altro Botero
L’altro Botero
L’insolito percorso religioso dell’artista colombiano
L’altro Botero
L’altro Botero | L’insolito percorso religioso dell’artista colombiano

Botero e la sofferenza: un connubio insolito se si pensa alle opere che hanno reso celebre in tutto il mondo l’artista colombiano. Colui che ha fatto della rotondità delle forme, della satira e del piacere i tratti distintivi della sua arte si avvicina questa volta alla sacralità della via Crucis. Il risultato? É sorprendente e prende la forma di un ciclo di opere realizzate tra il 2010 e il 2011: 27 oli e 34 opere su carta, donate alla sua città natale, Medellín, durante la settimana di Pasqua del 2012, per festeggiare gli  80 anni di vita dell’artista.

E la serie ha fatto ora capolino a Roma, all’interno del Palazzo delle Esposizioni per una personale dal titolo “Via Crucis. La Passione di Cristo”. Qui trovano la propria espressione le tematiche della sofferenza e del sacrificio, che mettono in luce un Botero diverso. La rotondità delle sue forme, la sensualità e sinuosità dei personaggi da lui illustrati si scontrano qui con una realtà nuova, fatta di dramma e conversione.

Le forme di Botero che raccontano la sofferenza

Ecco allora una mostra quasi unica nel suo genere. L’artista, che già una volta si è occupato di sacralità a Pietrasanta, in Toscana, dove ama trascorrere alcuni mesi dell’anno, ha compiuto attraverso queste opere un nuovo viaggio, un percorso in cui le figure abbondanti da lui spesso rappresentate come simbolo di mondi goduriosi e quasi idilliaci, si inseriscono in un contesto diverso; un cammino religioso fatto di dramma e sofferenze. 
Sentimenti nuovi che trasformano e arricchiscono il lavoro di Botero. Il tono ironico vieni sostituito infatti da una riflessione intorno all’atrocità, ma anche alla salvezza eterna. Qui le immagini di Botero evocano un qualcosa di diverso. Una sofferenza e un dolore umano privi di ogni satira.

Immagini Correlate