SEGUICI SU
Indietro

Il "Gatto" con gli stivali

Il
Il "Gatto" con gli stivali
Le scarpe su misura che hanno conquistato Hollywood
Il
Il "Gatto" con gli stivali

Il signor Angelo Gatto, che dà il nome al negozio, non c'è più. Nel 1912, già calzolaio, decise di trasferirsi dalla sua Sicilia a Roma, dove apre la sua bottega e inizia a riscuotere un successo enorme. La sua fama è così forte - e il suo savoir-faire così tanto apprezzato - da fargli guadagnare il prestigioso titolo di “Calzolaio Reale”. Tante, in effetti, le teste coronate che amavano farsi calzare da lui, ma anche tanti volti noti del jet set internazionale. Tra questi: Marlon Brando, Aristotele Onassis, Vittorio De Sica, Gregory Peck, Tyrone Power, Pier Paolo Pasolini e, ancora, Primo Carnera, il campione di boxe, che si dice avesse dei piedi enormi.

Tornando ai giorni nostri, la proprietà è passata a un altro calzolaio, Silvano Lattanzi, che rileva la ditta nel 2013 dall'ultimo erede di Angelo Gatto. Lo stile rimane classico e sempre estremamente attento alla qualità e alla scelta dei pellami, che vengono disegnati attorno al piede e alla camminata. Perché cuoio e camoscio devono continuare a vivere anche dopo anni. Si tratta, come è facile immaginare, di un lavoro lungo e meticoloso, che deve tener conto delle proporzioni del piede e di eventuali sporgenze ossee. E, poi, deve adattare queste misure e caratteristiche al modello scelto. Soprattutto nell'abbigliamento maschile, sono proprio le scarpe ad avere un ruolo di particolare importanza, rappresentando il dettaglio che fa la differenza. Anche un abito di poco conto acquista prestigio se accompagnato dalla giusta calzatura e, viceversa, un outfit di prestigio perde eleganza se si sceglie una scarpa scadente che non dia il giusto sostegno al corpo e alla camminata.

POTREBBE INTERESSARTI