SEGUICI SU
Indietro

FRANCESCO ZITO

FRANCESCO ZITO
FRANCESCO ZITO
Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi
FRANCESCO ZITO
FRANCESCO ZITO

I bambini cominciano a camminare spontaneamente, seguendo l’esempio degli adulti che li guidano a mettere un piede dietro l’altro. I bambini imparano ciò che vedono. Francesco Zito ha imparato prima a tenere in mano una matita che a camminare, ricalcando le orme artistiche della famiglia. Nel 2011, a soli 23 anni, la sua prima brillante pubblicazione vede la luce. In breve tempo la sua discendenza artistica si popola di molti altri successi - Edizioni EL, Giunti, Mondadori - che attualmente non si contano più sulle dita delle mani. Sono astri che attraversano l’Italia, arrivano all’estero e rischiarano un universo vivace come l’Isola che non c’è. Ma il suo talento c’è e si vede, è traccia tangibile del suo animo da Peter Pan. Fin da subito comprende che la sua arte deve lasciare impronte colorate. I piccoli imparano ciò che leggono. Le storie di Bebo e Bice è una collana di libri di divulgazione scientifica per bambini in età prescolare, edita da Editoriale Scienza. I testi sono opera del gruppo Tecnoscienza, mentre i personaggi sono nati da Francesco, che dal 2015 ha infuso un alito di vita a Bebo, verme rosa con i rasta, e a Bice, un’occhialuta pulce con lunghe trecce. Li ha visti crescere nei mondi allegri e sfumati che ha tratteggiato apposta per loro, utilizzando il disegno in digitale per riprodurre le tecniche tradizionali e accogliere dolcemente i piccoli lettori. Ha generato le ambientazioni e infuso piccoli dettagli capaci di restituire anche il linguaggio non verbale dei due simpatici protagonisti. Tra le pagine i bambini imparano a vivere le scoperte scientifiche spontaneamente, tramite esperimenti semplici e accattivanti. Francesco ha creato Bebo e Bice a sua immagine e somiglianza, disegnando personaggi che fanno della fantasia un’occasione di crescita e apprendimento.

La storia è stata raccontata da Elisa Cappai, scrittrice.

- SPAZI E LAVORI -