SEGUICI SU
Indietro

Elisa Amoruso

Elisa Amoruso
Elisa Amoruso
la sensibilità di uno sguardo dietro la macchina da presa
Foto di Antonio Barrella
Elisa Amoruso
Elisa Amoruso

Il passaggio dalla scrittura cinematografica alla regia passa sempre attraverso una folgorazione: l'uso delle immagini. Nel caso di Elisa Amoruso, sceneggiatrice diventata regista, è stata la fotografia la tappa intermedia per arrivare dietro alla macchina da presa. La sensibilità del suo sguardo è forse un'eredità paterna: vendeva macchine fotografiche. Elisa ha studiato all'università la Sapienza a Roma, dove poi si ha frequentato il Centro Sperimentale di Cinematografia. Good Morning Aman di Claudio Noce, il primo film a cui ha lavorato come sceneggiatrice, è stato selezionato al festival di Venezia. Ha collaborato poi al soggetto del film Passione sinistra, con regia di Marco Ponti, e ha scritto il soggetto e la sceneggiatura di La foresta di ghiaccio. Il 2014 è l'anno di Cloro: opera prima di Lamberto Sanfelice, di cui firma la sceneggiatura, in concorso al Sundance Film Festival e selezionato al festival di Berlino.

Ma Elisa Amoruso è ormai, soprattutto, la regista di Fuoristrada. Il suo documentario del 2013 racconta la storia di un meccanico romano, pilota di rally, che a cinquant'anni comincia a vestirsi da donna, a prendere gli ormoni, e a farsi chiamare Beatrice. Quando incontra Marianna, se ne innamora e le due riusciranno a sposarsi nel comune di Nemi. Al festival del cinema di Roma, Fuoristrada conquista la menzione speciale nella sezione Prospettive Doc Italia. Abbandonata per un attimo la telecamera Elisa e si è ritrovata così sul red carpet. A produrre Fuoristrada sono stati la società Meloproducodasolo (di Alberto Covelli), Roberto De Paolis e Carolina Levi. Dopo il premio, il film è stato venduto anche all'estero.

Indagando ancora il tema della diversità, Elisa sta chiudendo il suo nuovo progetto. Ha finito di girare un documentario con protagoniste cinque donne immigrate, ognuna di un paese diverso, tutte capaci di dare vita in Italia ad attività di successo. Già finito di girare, il documentario è in fase di montaggio e dovrebbe essere pronto per il 2016.

 

La storia di Elisa Amoruso è stata raccontata da Francesco Longo, scrittore.

- SPAZI E LAVORI -