SEGUICI SU
Indietro

Dieciminuti Film Festival

Dieciminuti Film Festival
Dieciminuti Film Festival
Foto di Antonio Barrella
Dieciminuti Film Festival
Dieciminuti Film Festival

“Dopo l'Erasmus a Lisbona, Ceccano mi sembrò il nulla. Avevo voglia di andar via, di fare altro. Ma nello stesso tempo ero legato al territorio, andarmene significava tradirlo.”

Da anni si parla della fuga di cervelli all'estero. Ma c'è anche chi, come Alessandro Ciotoli, presidente di Indie Gesta, inverte la tendenza. Trasforma un problema in un'opportunità. La scommessa fatta con i ragazzi dell'associazione era far diventare Ceccano “l'ombelico del mondo”. Sembrava un'impresa impossibile ma questi giovani sono gente testarda. Gli ostacoli, linfa vitale. L'idea: creare un festival di corti per portare il mondo nel loro paese. Non lasciare il proprio territorio, ma rivivificarlo. Nasce così, nel 2005, Dieciminuti Film festival.

A oggi, oltre 4000 cortometraggi arrivati da tutto il pianeta e 9000 spettatori coinvolti. Il tutto con un budget di 4000 euro, di cui il 50% investito in premi. Il segreto: la voglia di fare, di mettersi in gioco. Quando i soldi non ci sono, la creatività diventa una risorsa. Il web offre preziosi canali di scambio, sulle piattaforme internazionali dedicate si pubblica il bando di concorso e Dieciminuti Festival diventa global. Si cercano gli sponsor. Gli alberghi offrono le stanze, il cinema Antares la sala, il Comune gli spazi per gli eventi. E il successo non tarda ad arrivare. Il piccolo paese della provincia di Frosinone sale alla ribalta internazionale. Ma le priorità di Indie Gesta restano il territorio e la formazione. Due sezioni sono dedicate ai cortometraggi “Visti da vicino”, realizzati dai cineamatori della provincia di Frosinone. E nel 2009 nasce la Dieciminuti Academy, scuola di arti visive, poi una scuola di fotografia. I giovani che le frequentano trovano nuovi sbocchi lavorativi. La parola d'ordine è “cogliere le opportunità”: Indie Gesta aderisce al programma Erasmus + portando in pochi anni 30 ragazzi in Europa con workshop formativi. Il sogno è un progetto che faccia di Ceccano la meta dei giovani europei.

La storia è stata raccontata da Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti, scrittrici.

 

 

 

- SPAZI E LAVORI -