SEGUICI SU
Indietro

CHIARA BECCHIMANZI

CHIARA BECCHIMANZI
CHIARA BECCHIMANZI
Foto di Ilaria Magliocchetti Lombi
CHIARA BECCHIMANZI
CHIARA BECCHIMANZI

Chiara Becchimanzi ha 32 anni e vive a Ostia. Ha studiato Arte e Scienza dello spettacolo, antropologia teatrale, i neuroni specchio; ha frequentato l’Accademia Internazionale di Teatro di Roma e ha girato l’Italia e il mondo con diverse compagnie teatrali. Porta in sé le tracce della Stand-up comedy, della satira sociale, del teatro comico della tradizione italiana e di quello fisico e buffonesco. È alla luce di queste brevi note biografiche che va letto “Principesse e sfumature”, uno spettacolo portato per la prima volta in scena

nel 2016 al Teatro del Lido di Ostia, che Becchimanzi ha scritto e interpretato. È il monologo lucido e divertentissimo di una persona che cerca la felicità e prova a scoprire con coraggio cosa significa essere donna. Chiara ci porta fuori dalla logica bloccata della narrazione culturale che induce le ragazze - già da bambine - a sentirsi piccole, fragili, dipendenti, pronte a sottomettersi. Smaschera quel sistema di pensiero, lo mette in discussione con intelligenza, ironia e presenza scenica. Con sguardo da etnografa, indaga la realtà sociale in cui siamo immersi fin da piccoli, che implica l’esistenza di qualcuno che comanda e di qualcun altro che è bravo se ubbidisce; è bravo se è ben educato, se non si lamenta, se si accontenta e non vuole di più. Chiara canta, al contrario, l’importanza di ascoltarsi per primi, chiedersi cosa ci fa stare bene e farlo. Porta sul palco il suo percorso, quello di una donna normale che riflette su di sé. Chiara Becchimanzi crede nella risata come strumento di catarsi e trascina gli spettatori. Con “Principesse e sfumature” tira fuori un lavoro terapeutico, di evidente utilità sociale, che - lungi dal fornire risposte - ci interroga e ci fa riflettere, facendosi portatore di un messaggio lucido e potente.

La storia è stata raccontata da Martina Germani Riccardi, scrittrice.

- SPAZI E LAVORI -