SEGUICI SU
Indietro

120 righe per un racconto

120 righe per un racconto
120 righe per un racconto
Liberi di pensare, liberi di raccontare
120 righe per un racconto
120 righe per un racconto | Liberi di pensare, liberi di raccontare

120 righe per raccontare il mondo che ci circonda. Perché nella brevità risiede l’immediatezza e la spontaneità. È proprio nella ricerca di ciò che nasce “120 righe. Cronaca di un racconto”, il concorso che si inserisce nel programma 2016 di Civitonica, la grande manifestazione di cultura, realizzata da un team di giovani under 30 che la città di Civita Castellana ospiterà fino a maggio 2017.

Il concorso letterario “120 Righe” offre la possibilità di narrare, in una manciata di righe, un tema di attualità, un fatto di cronaca che assume nuove forme e connotati attraverso questa ricerca della brevità. Possono partecipare gratuitamente tutti gli scrittori che abbiano compiuto 18 anni, residenti e non residenti nel Comune di Civita Castellana, presentando un racconto necessariamente inedito, di lunghezza massima di 4 cartelle (30 righe di 60 battute punteggiatura esclusa).

Come partecipare
I racconti dovranno essere in formato PDF, e caricati tramite upload sull’apposito form all’indirizzo www.civitonica.com/120righe. Per garantire l’anonimato ogni singolo concorrente dovrà inserire all’interno del file PDF (su ogni pagina dell’elaborato) un codice identificativo di 5 caratteri, composto di numeri e lettere (es. ab123 oppure 1ab23). A conferma dell’effettivo caricamento del file, sarà visibile un messaggio di avvenuto invio. Per inviare i propri lavori c’è tempo fino al 31 gennaio 2017.

Tutti i lavori presentati a “120 RIGHE CRONACA IN RACCONTO” verranno selezionati, a cura di un’apposita giuria composta da 5 professionisti del settore che sceglierà, a suo insindacabile giudizio, i nominativi dei 10 finalisti.
La classifica dei vincitori sarà pubblicata sul sito di CiviTONICA entro il 31 marzo 2017 e per il mese di maggio è prevista una cerimonia di premiazione. I racconti verranno successivamente pubblicati in una raccolta curata dalla Casa Editrice EMIA Edizioni.